Mar. Apr 16th, 2024

UN CRUDELE DESTINO HA SEGNATO UN’INTERA FAMIGLIA.

4 novembre duemila21 e 8 gennaio 2023: due date contrassegnate da un immenso dolore per aver lasciato una traccia indelebile nella famiglia composta da Orlando Verlezza (47), dalla moglie Antonia Piscitelli (47), dai figli Maria (23) e Giulio (19). Durante questo fantastico viaggio terreno, ogni essere umano prova di tutto: gioie, soddisfazioni, amori e, purtroppo, anche dolori.

Nella giornata del 4 novembre duemila21, al diciannovenne Giulio, gioia e armonia della casa, è bastato uno scroccar delle dita per ritrovarsi insieme a tanti angeli in Paradiso. La causa? Un maledetto incidente stradale. La triste notizia coinvolge emotivamente l’intera cittadinanza. Perdere un figlio crea un momento di grande impotenza al quale non si riesce a dare un senso, un significato. La perdita di Giulio è stata qualcosa di innaturale e nessuno dei familiari era preparato o pronto ad affrontare un evento così straziante. Quando un bimbo perde uno dei genitori si usa il termine “orfano”; quando la donna o l’uomo perdono i loro compagni sono “vedovi”. E quando il padre e la madre perdono il proprio figlio? In questo caso non esiste alcun termine o parola in grado di indicare questa condizione. Si può soltanto parlare di “tragedia”, perché comporta una sofferenza indescrivibile, incomparabile. In sintesi, è la tragedia più grande che possa colpire la vita di una persona, la vita dei genitori.

Appena 14 mesi dopo la prematura scomparsa di Giulio, il destino continua ad accanirsi contro la famiglia Verlezza. La data dell’8 gennaio 2023 segna un nuovo lutto: all’improvviso il cuore di Orlando si ferma! Difficile trovare le parole per un confortevole commento. C’è solo spazio per le lacrime! E il paese si stringe attorno alla Signora Antonella e alla figlia Maria. Domenica 30 luglio duemila23, in Via Ferdinando d’Aragona al civico 61 – alle ore 21,00 – viene inaugurata l’Associazione “GIORLANDO&CO. Con la nonna Costanza Affinita e altri parenti, presente, ancora una volta, il Sindaco Andrea Pirozzi che ha apprezzato la significativa azione umanitaria intrapresa dai giovani, garantendo loro, a nome dell’Amministrazione Comunale, ogni forma di collaborazione.

E poi, Maria Esposito, Sabatino Buono, Alessio Pascarella, Giulia Signoriello, Ciro Vigliotti, Alfonso Martinisi, Enzo Sposito, Diego Sposito, Rosa Diglio, Domenico Mazzola, Melania Abbatiello, Elena Fiorinelli, Vincenzo Piscitelli, Antonio Crisci, Manuel De Rosa, Giuseppe Valentino, Gerardo Esposito, Antonio Crisci, Nicola Salvatore, Andrea Improta, Thomas Della Morte, Maria Verlezza, che hanno risposto: PRESENTE! Sono ventidue tra ragazzi e ragazze di 17 e 22 anni, (nella foto con il Sindaco, la signora Antonella e la figlia Maria), i più cari e intimi amici di Giulio e Soci fondatori dell’Associazione che porta il nome di Giulio e del padre Orlando, “GIORLANDO&CO”. Con esemplare sensibilità hanno realizzato il desiderio del genitore, ovvero quello di ricordarLo in maniera originale, lasciando un segno della Sua presenza. Da un profondo dolore condiviso hanno creato un’occasione di arricchimento umano, trasformando il vuoto lasciato in qualcosa di positivo, che portasse unione e riempisse di nuovo i cuori di gioia. “GIORLANDO&CO.” è una realtà nata con finalità culturali, sociali e di volontariato. Un gruppo di giovani, con le lacrime agli occhi e un groppo alla gola, hanno riferito che Giulio aiutava sempre il prossimo, con le sue possibilità cercava di essere a disposizione degli altri. Amava la vita e la viveva al meglio; donava spensieratezza e sapeva sempre regalare un sorriso. Amava il calcio ed era tifosissimo del Napoli. La sua aspirazione? Diventare un padre di famiglia. L’Associazione, quindi, costituisce un modo per restituirgli gratitudine per il bene di cui è stato fonte inesauribile. Per concludere, ecco le toccanti parole della Preside Pina Sgambato: “Giulio, che strazio! Anche il cielo piange. Un monello gentile ed educato che amava la scuola e la vita. Era il 2017 e Giulio con un vessillo apriva il corteo della marcia della Pace, a me piace ricordarlo così”.

La Redazione de “La Tribunainrete.it” e chi scrive, in qualità di Direttore Responsabile, esprimono parole di cordoglio alla Signora Antonella e alla figlia Maria. Ai giovani che hanno iniziato una nuova, emozionante avventura, l’invito a far sventolare sempre la bandiera con i colori dell’AMICIZIA e della SOLIDARIETA’: un modo semplice per ricordare degnamente e con orgoglio il caro ed affettuoso GIULIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *