Lun. Apr 15th, 2024

La danza non è da considerare semplicemente uno sport, bensì un’arte che sa coniugare corpo e anima in un soffio di leggerezza. Un linguaggio corporeo che cela parole non dette e intense emozioni. Favorisce, poi, l’aggregazione e la socializzazione; permette di vincere la timidezza e facilita una maggiore consapevolezza del proprio corpo, fondamentale per sentirsi a proprio agio in ogni situazione. La danza regala la libertà più grande che possa esistere: mostrare la persona che si è senza inibizioni, fragilità e paure. Di definizioni sublimanti della danza ne sono state date veramente tante, ne riportiamo alcune, degne di essere menzionate: “La danza non è un’arte per avere successo. Ma un dono per dare agli altri un’emozione”; “La danza è una poesia in cui ogni parola è un movimento”; “I grandi ballerini non sono grandi per il loro livello tecnico, sono grandi per la loro passione”.  Una delle più grandi ballerine del ventesimo secolo, Carla Fracci, affermava che “La danza è poesia perché il suo fine ultimo è esprimere sentimenti, anche se attraverso una rigida tecnica. Il nostro compito è quello di far passare la parola attraverso il gesto”.

Questo preambolo per presentare quattro ragazze appartenenti alle comunità di Arienzo e di S. Maria a Vico: Annamaria Colacione, Maria Giovanna Ferrante, Enzapia Piscitelli e Alessandra Ruotolo, alle quali la natura ha donato tanta dolcezza e simpatia. Accomunate dalla stessa passione per la danza che il vulcanico ed estroso Maestro Vincenzo Cirillo ha saputo esaltare e portare alla ribalta con esemplare professionalità. Anche il Maestro, dunque, che cura la direzione artistica e didattica della “Backstage”, è un artista che, quando trova il giusto canale di comunicazione con i suoi allievi che apprendono il linguaggio del movimento, del ritmo e della tecnica, riesce a creare nuove bellezze.

Dopo aver brillantemente superato l’esame per il diploma in danza classica e moderna, le giovani ballerine domani, mercoledì 12 luglio duemila23, presso il Teatro Comunale di Caserta, si esibiranno nel loro Passo d’addio, sia di Classico che di moderno. Lo spettacolo sarà arricchito con le coreografie dei Maestri Cetty Garofalo (classico), Luca Facente (moderno), Vincenzo Cirillo (moderno) e Raffaele De Simone (Hip Hop). Ballerini ospiti: Luca Squadritti e Gianluigi CacciaPuoti.

Sicuramente si assisterà ad una performance ricca di emozioni, che celebrerà la nobile tecnica artistica delle festeggiate e regalerà ai tanti presenti un’ora di intenso godimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *