Ven. Lug 1st, 2022

Pietro Nuzzo è motivo di grande orgoglio per la comunità.

Con la partecipazione di un qualificato pubblico si è svolta, nella sede della Pinacoteca d’Arte “Il Cuneo” diretta da Pietro Nuzzo, la Mostra retrospettiva della pittrice Novella Parigini, con il Patrocinio del Comune di S. Maria a Vico- Assessorato alla Cultura- e dell’Ente Pro Loco Italiane Campania. Brillante presentatore il dinamico Mimmo Campagnuolo che, nell’introdurre la manifestazione, ha salutato le Autorità presenti e il Comandante della locale Stazione Carabinieri Maresciallo D’Ambrosio. Ha preso indi la parola l’amico Nuzzo che ha tracciato un’interessante sintesi biografico-artistica della Parigini indicando nel Panismo la cifra più tipica della produzione della Artista, figlia nientemeno che di Gabriele d’Annunzio. Il rapporto genitoriale tra il Vate e la pittrice è emerso dalla lettura di due lettere del papà alla madre della “fantolina”, lette in modo perfetto da Fausto Morgillo. Da una delle due missive è emerso chiaramente che l’Autore di Alcyone volle fosse dato alla bambina il nome Novella in relazione alla sua poesia La pioggia nel pineto. Qui il clou della serata: la lettura di questo capolavoro del Panismo è stata affidata alla giovane e brillante filologa moderna dell’Università “Vanvitelli” Maria Paola Puoti. La lettura fine e molto espressiva di questa perla della produzione dannunziana ha suscitato l’ammirazione degli intervenuti tutti, che hanno applaudito a lungo. La serata è terminata con un ricco buffet e la proiezione di un interessante documentario che sintetizzava svariate interviste alla Parigini.

                                                                                                                           p.d.n.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.